Alcune regole per una maratona del sesso

Tre regole d’oro del rapporto sessuale (quasi secondo il Kamasutra). N1. Un uomo ha bisogno di avvicinarsi a ogni donna come se fosse viagra generico non temperante o nuova al sesso.

Per fare questo, un uomo deve usare l’intero arsenale dei preliminari: baciare il petto, il collo, la schiena, i fianchi e, soprattutto, stimolare il clitoride. È importante per una donna padroneggiare le abilità del sesso orale, essere in grado di scegliere una posizione comoda per se stessa per ottenere il massimo piacere.

N2. Un uomo ha bisogno di accarezzare una donna per almeno 15 minuti prima che inizi il rapporto.

N3. Dopo l’atto, una donna si aspetta carezze, abbracci e parole tenere da un partner. Non deve essere meno affettuosa e attenta. Ad esempio, dovrebbe essere in grado di lavorare non solo con i fianchi, ma anche con la vagina.

Miti comuni sui rapporti sessuali

Mito # 1. Molti, specialmente gli uomini, sono sicuri che il rapporto dovrebbe essere prolungato nel tempo. La sua durata influenzerà la forza del piacere ricevuto da una donna.

Immaginate, signore, se non siete preparate dai preliminari? Se nulla è adeguatamente idratato e il tuo partner sta cercando di prolungare il tuo "piacere" – come ti sentirai dopo un lungo attrito senza lubrificazione?? È più facile per gli uomini in questo senso: dal pensiero all’erezione, ne hanno solo un po‘
un paio di istanti, e poi l’orgasmo è a portata di mano. Pertanto, non è la durata del rapporto che è importante, ma come "riscaldato" (leggi: stimolato) donna.

Mito N2. Il piacere ultraterreno può essere ottenuto senza ulteriori carezze, solo direttamente dal rapporto.

Uomini – sì, donne – no. Perché quasi tutte le donne hanno bisogno di più "fabbrica", come un buon orologio meccanico. Quando tra le signore si aggira lo stereotipo che il culmine del piacere arriverà con un normale rapporto sessuale, la poveretta è attesa da un complesso di inferiorità sessuale. Come, com’è tutto? "finire", Ma non io? Gli uomini possono anche terrorizzare i partner, richiedendo loro di avere un rapido orgasmo solo dal rapporto. Non sanno che solo il 30% delle donne, secondo le statistiche, è in grado di ottenere un orgasmo vaginale senza una preparazione preliminare e che le donne in molte posizioni non sono in grado di raggiungere il massimo piacere. Ecco perché è imperativo stimolare il clitoride con il restante 70% prima e durante il rapporto, e quindi otterrai fuochi d’artificio di passione sfrenata femminile. Chiedi affetto al tuo partner, non esitare.

Mito N3. Un buon amante deve raggiungere almeno 10 eiaculazioni in un rapporto sessuale.

Non ci sono standard stabiliti per gli orgasmi maschili, così come per gli orgasmi femminili. "Maratona" la gara può essere organizzata solo da adolescenti ansiosi che pensano al sesso ogni 5 secondi della loro esistenza. Alcuni di questi "atleti" diventa uno zio baffuto, ma lo stereotipo in lui non evapora, ma, al contrario, si fissa. E per questo, se a 30 anni, per esempio, non riesce a raggiungere l’orgasmo più di due o tre volte "Al tempo", inizia tranquillamente a impazzire. Fu allora che fu coperto da un temporaneo "psicologico" impotenza, che scorre dolcemente in fisiologico.

Mito N4. È meglio fare sesso di notte, in casi estremi – la sera.

LEI – ha lavorato per il giorno, ha cucinato la cena, ha sculacciato suo figlio, ha lavato i piatti ed era così stanca che nemmeno i suoi piedi potevano essere lavati di notte. LUI – ha tagliato il turno, ha concluso otto contratti, si è umiliato davanti al matto-chef – è tornato a casa con "sopracciglia a grappolo", quindi è ora di scatenarsi e urlare a casa. Qual è il sesso, signori??! E anche gli appuntamenti romantici degli innamorati non hanno sempre successo se hanno avuto molti problemi durante il giorno. Quindi è meglio organizzare i rapporti sessuali in base alle ore di energia e attività biologica. Anche se, ovviamente, questa è una questione individuale. Se c’è attrazione e passione, non le berrai e le estinguerai con il lavoro.

Mito N5. È necessario padroneggiare tutto "183" posizioni sessuali. Altrimenti siete amanti falliti.

Ci sono solo sei posizioni principali: uomo sopra, uomo sotto, posizione laterale, uomo dietro, in piedi e seduto. E tutti gli altri dovrebbero essere considerati come variazioni di quanto elencato.

Mito N6. La lunghezza normale del periodo di attrito è di 25 minuti.

Non esiste una norma unica. Ci sono valori medi: da 1,5 a 5 minuti. Un accorciamento della durata del coito a 15-20 attriti o meno è considerato eiaculazione precoce, e l’allungamento di più di 20 minuti (senza interruzioni nei movimenti) è considerato stagnante, cioè anche patologico. Tuttavia, questi dati non sono direttamente correlati al raggiungimento e alla qualità dell’orgasmo.

Mito N7. Se una donna non prova l’orgasmo durante il rapporto, allora avrà problemi di salute, umore e prestazioni.

Ma no. Una donna è una creatura così strana che, anche senza provare né l’eccitazione né l’orgasmo (per vari motivi), può essere completamente soddisfatta del contatto sessuale, provare rilassamento e piacere. Anche non sapendo cos’è un orgasmo, una donna può provare soddisfazione per il fatto che ha dato piacere al suo amato uomo, che è amata e desiderata.